L’IMPORTANZA DEL TEMPO

Articolo del blog L'importanza del tempo. Il tempo di qualità nella nostra vita.

Il periodo delle ferie è un tempo prezioso per il riposo fisico e mentale di ognuno di noi.

Durante le vacanze c’è più tempo per giocare con i propri bimbi, fare attività, passatempi e sport che durante l’anno non si riescono a fare oppure non si riescono a fare con la dovuta attenzione.

Anche per me la pausa estiva è stato un momento prezioso per condividere maggior tempo con la mia famiglia e per dedicarmi a qualche passatempo che durante l’anno non riesco mai a fare.

Durante questo periodo mi è capitato di leggere un breve racconto che parla del tempo. Desidero condividere con voi questa lettura che a me ha fatto molto riflettere.

Sul molo di un villaggio messicano un turista si ferma, si avvicina a un pescatore che dorme accanto a una cesta di pesce e gli chiede quanto tempo abbia impiegato per pescarlo.

P: Non ho impiegato molto tempo.

T: Perché non sei stato in mare di più, per pescare di più?

Il messicano gli spiega che quella piccola quantità di pesce è esattamente ciò di cui ha bisogno per le esigenze della sua famiglia.

T: Ma come impieghi il resto del tuo tempo?

P: Dormo fino a tardi, pesco un po’, mi riposo, gioco con i miei bimbi e faccio la siesta con mia moglie. La sera vado al villaggio, ritrovo gli amici, beviamo insieme, suono la chitarra, canto qualche canzone.

T: Sono laureato ad Harvard e posso darti dei suggerimenti su come migliorare. Prima di tutto invece di dormire dovresti pescare più a lungo, ogni giorno di più. Il pesce in più lo potresti vendere per comprare una barca più grande.

Barca più grande significa più pesce, più pesce significa più soldi, più soldi più barche, un’intera flotta. Invece di vendere il pesce al villaggio, potresti negoziare con le industrie della lavorazione del pesce. Così puoi lasciare il villaggio e trasferirti a Città del Messico, a Los Angeles o addirittura a New York. Da lì potrai dirigere un’impresa.

P: Ma quanto tempo mi ci vorrebbe?

T: Almeno 25 anni.

P: E poi?

T: Qui viene il bello, quando i tuoi affari avranno raggiunto volumi grandiosi, potrai vendere le azioni e guadagnare milioni.

P: Milioni?

T: Sì, così potrai ritirarti dagli affari, vivere gli ultimi anni in un villaggio vicino alla costa, dormire fino a tardi, riposarti, giocare con i bimbi, pescare un po’ di pesce, fare la siesta, passare le serate con gli amici bevendo e cantando in allegria.

(Tratto dalla rivista Uppa, Un Pediatra Per Amico, nr. 4/2017)

Dopo aver letto questo racconto mi è nato un nuovo proposito: ricordarmi che ogni tanto devo fermarmi, rileggere questo racconto e soprattutto giocare.

E voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses cookies to improve your browse experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.