Il valore dei giocattoli

Il valore dei giocattoli. Articolo blog. La durata nel tempo dei giocattoli. Giocattoli in legno

Chi legge e segue questo blog sa che nella mia famiglia siamo amanti dei libri. Soprattutto libri per bambini.

Pochi giorni fa abbiamo acquistato il libro intitolato “Clown” edito per l’Italia da Camelozampa.

Si tratta di un silent book* illustrato da Quentin Blake che, per gli esperti del settore, è un famosissimo illustratore.

Ricco di immagini e dettagli questo libro piace ad entrambe le bambine: sia alla mia primogenita innamorata da sempre dei libri, sia alla seconda di innamoramento più lento…..

Ma soprattutto è piaciuto a me perché, nella mia personale interpretazione, mi ha fatto molto riflettere sul valore degli oggetti e, specificamente nel mio caso, sul valore dei giochi.

Quando qualcuno mi chiede perché scelgo soprattutto giocattoli in legno una delle motivazioni principali è senza dubbio il desiderio di trovare giocattoli prodotti con materiali più vicini al mondo della natura.

Un’altra motivazione però è la durata nel tempo dei giocattoli.

grapat giochi destrutturati in legno

Nell’era consumistica moderna questa seconda motivazione può sembrare banale, inconsueta e anche un po’ anacronistica ma, secondo me invece, è molto importante.

Siamo sempre più abituati e assoggettati ai concetti di presto, veloce, pronto, di tendenza, ecc… ma non sempre queste caratteristiche si abbinano bene con il concetto di durevole e resistente nel tempo.

Perché penso che la durata nel tempo di un giocattolo sia importante? Perché vuol dire trasmettere alle generazioni future i nostri valori, la nostra storia.

casa portatile per bambole plan toys

In questo periodo, in questa fase di crescita, alle mie bambine piace scoprire i giocattoli vecchi di quando eravamo piccoli io e mia moglie. È un’attività (e un gioco ovviamente!) che si divertono a fare a casa dei nonni. Ma quando tornano a casa e ci raccontano delle loro scoperte, spesso si crea l’occasione per pensare e parlare della nostra infanzia, dei nostri giochi e delle indubbie differenze rispetto al mondo d’oggi.

Mi piace prendere tra le mani i vecchi giochi, ricordare il divertimento spensierato, osservare i segni del tempo ma anche la loro resilienza…..

Per questi motivi penso che un buon giocattolo, come il clown protagonista del libro, è quello che fa divertire i bambini ma che è anche in grado di resistere nel tempo per continuare a farci svagare anche con qualche segno di vecchiaia….

peluche biologico senger

*silent book è un libro senzatesto scritto ma solo immagini. Per saperne di più leggi l’articolo Silent Book: 7 motivi per provarli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *